Home » Riferimenti » Padiglione dell'Ungheria all'EXPO 2015 a Milano
Riferimenti

Padiglione dell'Ungheria all'EXPO 2015 a Milano

IIR

Il 'Giardino della vita' è lo spettacolare padiglione ungherese all'EXPO 2015, che sfoggia il suo rivestimento in rame lungo il Decumano, la via principale di passaggio per i visitatori.

Il progetto dell'edificio è frutto di un concorso pubblico, da cui sono stati scelti 4 progetti, in collaborazione con le principali associazioni ungheresi di architettura, secondo criteri di sostenibilità architettonica, infrastrutture, funzionalità e la possibilità di riutilizzo. Il creativo dell’edificio - Sándor Sárkány di Carpathia Ktf, ha poi legato le diverse caratteristiche arcaiche ed organiche dando alla struttura una forma vistosa ed insolita. (Carpathia Ktf è la società governativa creata appositamente per l'evento, sotto la cui supervisione sono stati eseguiti i lavori relativi alla realizzazione).

Per il padiglione sono stati privilegiati materiali naturali da costruzione ed è stato previsto il suo riutilizzo al 90%: al termine dell'Expo verra smontato e successivamente rimontato a Szombathely, dove fungerà da Centro Nazionale della Salute e dell'Informazione.

L'Arca e i Tamburi

Il Padiglione si sviluppa in lunghezza e ha un corpo centrale la cui struttura lignea richiama l'arca di Noè - simbolo di salvezza per tutte le specie viventi. Le porzioni sul fronte e sul retro si distinguono nettamente dal corpo principale grazie alla loro forma circolare e al rivestimento in rame: essi simboleggiano i tamburi sciamanici, evidenziando le radici antiche e il rapporto mistico con la natura. Sul tamburo affacciato sul Decumano è stilizzato l'albero della vita, sempre in rame.

Solo avvicinandosi al padiglione, si riesce a percepire la struttura del rivestimento metallico: si tratta di un doppio strato di lastre di rame sovrapposte tra loro, di cui quella interna è continua e quella esterna è forata, conferendo 'movimento' alla superficie. Ai lati del tamburo, vi sono strisce di lastre in rame prepiegate. 

"Dalle fonti più pure"

Il tema principale, ma non unico, della partecipazione ungherese all'Expo è l'acqua, e il suo motto è "Dalle fonti più pure": sono presentate le sorgenti termali, le acque dolci, la purezza di quelle potabili; ma è in generale il rapporto con la natura, di cui l'acqua è un aspetto, ad essere esaltato: lungo i percorsi di circolazione esterni ed interni sono esposti straordinari scatti fotografici della vita selvatica, mentre nell'area verde esterna sono coltivate 33 tipologie di frutta verdura ed erbe medicinali.

Il terzo livello del padiglione è un largo terrazzo a cielo aperto, delimitato dai tamburi e dalle costolature dell'Arca, che offre spazi di ristoro e un'ulteriore sala espositiva, dove sono esposti reali tamburi sciamanici.

Condividi con: 

Edificio

Data di completamento: 
2015
Paese: 
Italia
Città: 
Rho - Milano
Luogo: 

Categorie

Applicazioni: 
Facciate
Pannelli
Tipo di edificio: 
Spazi pubblici, parchi
Cultura
Rame utilizzato: 
Naturale
Proprietà: 
Nuovo

Architetto

Nome / Studio: 
Carpathia Ktf

Find out more

Marco Crespi

Continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all’uso del cookie. Per saperne di più, clicca su questo link.

Accetto