Home » Riferimenti » L'Alveare a Worcester, UK
Riferimenti

L'Alveare a Worcester, UK

Nick Hodges, Envelope Package Architect for Feilden Clegg Bradley Studios

“The Hive” (l’Alveare) è la struttura che ospita la Biblioteca e Centro di Storia recentemente aperta a Worcester: ha certamente una presenza impressionante. Punto di riferimento per l'istruzione, è una parte fondamentale della riva del fiume di Worcester, ben visibile dal terreno che si erge verso sud e ad ovest.

L'articolazione della sua peculiare forma esterna riecheggia le dimensioni e la struttura dell’ambiente: la linea del tetto richiama il profilo delle colline di Malvern visibili a ovest e ricorda le fornaci Royal Worcester che, con la Cattedrale, un tempo dominavano lo skyline della città. Gli iconici “imbuti“ sono fondamentali per l'interno dell'edificio come lo sono per il suo aspetto esterno, fornendo luce naturale e ventilazione al cuore dei piani.

L’Alveare si è sviluppato a partire da una collaborazione pionieristica per creare una biblioteca universitaria e pubblica
completamente integrata, che è completamente nuova per il Regno Unito e altamente innovativa a livello internazionale. L'edificio comprende anche gli archivi della contea e l'ufficio di registrazione, un centro di storia locale, il servizio di archeologia della contea e un centro multi-agenzia di assistenza clienti. L’Alveare è un centro culturale, di insegnamento e di informazione di eccellenza – che promuove l'apprendimento continuo, che genera l’integrazione sociale e che innalza le aspirazioni, nel senso più ampio del termine, per l'intera comunità, senza distinzione di età, condizione sociale o capacità.

Riflettendo i materiali locali

Il rivestimento di scandole in lega di rame dorato riflette la ricca tavolozza di colori e materiali che caratterizzano il centro della città - il rosso e l’oro di mattoni, cotto e pietra impreziositi da filigrana dorata e da piastrelle finemente decorate ad encausto. Il linguaggio architettonico caratterizzato da pareti solide e aperture perforate ispira anche lo stile progettuale locale: pieno e vuoto sono bilanciati per ottimizzare la luce, l'aria e la visuale, con una particolare attenzione per evitare il surriscaldamento, l’abbagliamento e il ricorso a sistemi meccanici eccessivi per mantenere un ambiente confortevole.

L'articolazione della forma del tetto, come una serie di coni irregolari, è stata progettata per ridurre la scala di questo significativo edificio pubblico e per relazionarsi meglio alla “grana” fine del centro storico. I peculiari tetti a cono sono formati in solidi pannelli in legno lamellare che si estendono dalla linea di gronda fino all’anello sulla parte superiore di ogni cono. Lo zoccolo, che varia in altezza lungo il perimetro, è rivestito in pietra per abbinarsi alla pavimentazione pubblica esterna: le striature color ocra fanno eco al rivestimento d'orato.

Un mantello d’oro

È stato scelto un rivestimento in lega di rame-alluminio per consentire l'uso di un unico materiale per il tetto e le parti in verticale, un 'mantello d'oro' posato sopra la forma. La dimensione delle piastrelle 600x600mm e la leggera inclinazione con cui sono state posate dà l'impressione di carapace costituito da placche.

Le scandole sono volutamente sovrapposte piuttosto che strettamente affiancate - per fornire un elemento naturale di variazione che consenta di posizionare meglio le aperture nella lega di rame. Si è ritenuto che se fossero state affiancate, i conseguenti spiragli presso le aperture sarebbero stati più evidenti. È stato calcolato che la differenza di materiale aggiuntivo sarebbe stata di circa 1% e considerata accettabile in termini di facilità di lavoro sul sito. Più criticamente, si è ritenuto che la disposizione del rame dovesse allinearsi dalle pareti ai coni del tetto, in modo che vi fosse un senso di continuità.

Le scandole in rame dorato: dettagli architettonici

L’articolazione del 'tessuto' metallico si è sviluppata nel dettaglio di angoli, gronde e davanzali delle finestre. Era fondamentale assicurare che il materiale apparisse senza giunte e che fossero evitati pezzi coprenti o elementi orizzontali dorati che potessero interrompere lo schema delle scandole. Il team di progettazione è stato affiancato da ottimi installatori di rame, che hanno creato un numero di modelli di dettagli-chiave relativi alle giunzioni (qualcuno mostrato qua), per la discussione e l'esplorazione prima della partenza dei lavori in cantiere.

Mentre le installazioni procedevano, gli installatori hanno identificato potenziali difficoltà su particolari giunzioni della gronda, sufficientemente presto per discutere le soluzioni pratiche in loco con il team di progettazione. Queste conversazioni sono state supportate da schizzi, disegni formali e -ove necessario- test. La qualità del rivestimento in lega di rame è la prova di come i team di progettazione e di installazione abbiano lavorato insieme.

Grazie ai suoi quasi 12.000 m2, per questo sorprendente materiale sarebbe facile essere l’elemento caratterizzante di questo volume; ma, con lo sviluppo dei dettagli insieme ad un installatore dedicato e competente, il rivestimento diventa più che puramente distintivo. L’importanza del materiale è arricchita e raffinata: le delicatezze del mantello d'oro sono manifestate nella sua attenta cucitura.

 

Condividi con: 

Edificio

Proprietario: 
Worcestershire County Council and the University of Worcester
Data di completamento: 
2012
Paese: 
Regno Unito
CAP: 
WR1 3PB
Città: 
Worcester
Via: 
The Butts

Categorie

Applicazioni: 
Facciate
Facciate/Scandole
Tetti
Tipo di edificio: 
Cultura
Scuole e Università
Rame utilizzato: 
Rame-alluminio
Proprietà: 
Nuovo

Architetto

Nome / Studio: 
Feilden Clegg Bradley Studios

Contractor per il rame

Titolo: 
Norman and Underwood
Indirizzo e descrizione: 
Copper Product: TECU® Gold

Concorsi

Stagione: 
2013

Find out more

Marco Crespi

Continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all’uso del cookie. Per saperne di più, clicca su questo link.

Accetto