Home » Riferimenti » Conservatorio "Les deux muses" a Melun, Francia
Riferimenti

Conservatorio "Les deux muses" a Melun, Francia

Progettato come elemento chiave della città, il Conservatorio di musica e danza di Melun è strategicamente parte del rinnovamento urbano del distretto di Montaigu (programma ANRU). Dotato di peculiarità pedagogiche innovative, "Les deux muses” (“Le due muse") concretizza la volontà del Comune di rafforzare la polivalenza di una grande struttura pubblica.
Situato a nord della città, tra l’Avenue Georges Pompidou e Place de l'Immaculée Conception, il suo lotto si estende lungo Rue de Colonel Latour. La massa imponente della sala delle rappresentazioni segna sull’Avenue il marchio culturale del conservatorio di musica e danza.

La volumetria oblunga di Batiment Janus si caratterizza con 2 facciate opposte:
- la sua ala ovest si amplia all'angolo dell’Avenue ed offre una generosa apertura alla città su un grande piazzale pubblico. Questa configurazione architettonica consente anche di anticipare la futura estensione a nord della sala.
- la sua ala est, seconda ed elegante facciata istituzionale, si rivolge al quartiere, di fronte al parcheggio panoramico e alla futura palestra.

Oggetto contestuale
L'edificio è allestito in un sito non strutturato, circondato da "vuoti urbani" (parco giochi della scuola a schiera, ampio viale) e "edifici-oggetti" dall'urbanistica degli anni '60 (palazzoni, palestra, scuola). Rigorosamente allineato al piano terra sulla stretta Rue du Colonel Latour, il suo piano segna un graduale ritiro, segno di rispetto verso l'unità abitativa di fronte.
L'edificio non è destinato a essere lussuoso ma giusto. Sotto la sobrietà dei suoi muri in mattoni e la preziosità del suo rivestimento in lega di rame dorato, evoca un carillon le cui pareti sono punteggiate dalla varietà di aperture.

Materiali e assemblaggio
I due principali materiali di facciata del progetto si completano a vicenda:
- Il mattone scuro evoca la perennità dell'Istituzione
- Il rame dorato ("Tecu Gold") esprime la sensualità e la plasticità delle arti insegnate.

Tra grigio antracite e oro, superfici assorbenti e riflettenti, porosità minerale e lucentezza metallica, i materiali si adattano e si armonizzano con precisione. L'alleanza tra la solidità del mattone e l'apparente fragilità del metallo piegato o perforato tenta di tradurre la musica in architettura.
Queste facciate opache e ruvide sono incise da grandi aperture; delle grandi "arpe" in acciaio combinano fogli piatti perforati e piegati, fungendo da brise-soleil.
L'uso di mattoni dà alle pareti un'impressione di compattezza, aumentata dell'1% di mattoni incassati di 2 cm. Una punteggiatura di elementi più chiari consente alle pareti di rivelare le condizioni di luce sulla sua superficie. L'ardesia nera estende al tetto questa materia oscura, per garantire una percezione unificata dei volumi.
Le facciate metalliche, ritmate dalle giunture sporgenti, compongono alternativamente strisce piene o perforate, funzionando come schermi visivi, protezione dal sole o da effrazioni. Le irregolarità del metallo forniscono un effetto di superficie delicatamente scintillato, in contrasto con la verticalità delle linee.

Gli assemblaggi mediante piegatura, giunzione, tagli, avvitamento, montaggio o levigatura testimoniano, con la loro attuazione, il know-how dei colleghi costruttori. Confermano che l'effetto architettonico prodotto è derivato da un materiale modellato.
La mineralità del piazzale si estende nella pavimentazione interna: le pareti della sala e della galleria sono adornate con le qualità dei materiali nobili: arenaria nella circolazione, pavimento in legno delle sale da ballo, finitura ad intonaco per le pareti, soffitti metallici in alluminio naturale, carpenteria in legno. La ristretta selezione dei materiali garantisce coesione, unità e tensione nella percezione degli spazi.
Alla luce, i materiali reagiscono per risonanza, diffrazione o assorbimento. Anche la materia dell'edificio è composta da luce.

Fotografie di: Hervé Abbadie
Condividi con: 

Edificio

Proprietario: 
Ville de Melun
Data di completamento: 
2014
Paese: 
Francia
CAP: 
77000
Città: 
Melun
Via: 
Avenue Georges Pompidou
Luogo: 

Categorie

Applicazioni: 
Facciate
Facciate/Lastre aggraffate
Tipo di edificio: 
Cultura
Rame utilizzato: 
Rame-alluminio
Proprietà: 
Nuovo

Architetto

Nome / Studio: 
DE-SO architectes
Indirizzo / descrizione: 
DE-SO Defrain-Souquet Architectes Associés10, rue des Bluets 75011 ParisTél. : +33 (0)1 55 43 97 07Fax : +33 (0)1 55 43 97 06

Concorsi

Stagione: 
2015
Allegati: 

Continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all’uso del cookie. Per saperne di più, clicca su questo link.

Accetto