Home » Articoli » Copper in architecture 2013: due italiani finalisti
Articoli

Copper in architecture 2013: due italiani finalisti

CDA UK

Sono stati resi noti i progetti finalisti del concorso Copper in Architecture: 10 edifici europei caratterizzati da un rivestimento realizzato con rame e sue leghe, come la nuova sede del Tribunale di sorveglianza a Venezia e la struttura residenziale Dolomitenblick a Sexten/Sesto, in provincia di Bolzano. Il vincitore verrà proclamato il prossimo 4 novembre a Parigi.

Il concorso “Copper in Architecture”, giunto alla 16esima edizione, premia le eccellenze architettoniche e celebra l’utilizzo del rame per coperture, rivestimenti, facciate o altri elementi, senza limiti di forma e dimensione: da normali case fino a grandi strutture.

Quest’anno la giuria era composta dagli architetti Einar Jarmund (Jarmund/Vigsnæs, Norvegia), Craig Casci (Grid Architects, UK), Davide Macullo (Davide Macullo Architects, Svizzera) e Anu Puustinen (Avanto Architects, Finlandia), che avevano ricevuto premi e menzioni in precedenti edizioni del concorso. Gli 82 progetti in lizza hanno dimostrato la versatilità dell’uso del rame nell’architettura moderna, ma alla fine solo 10 sono stati selezionati come finalisti.

Tra questi, due edifici italiani, caratterizzati entrambi da una copertura in rame preossidato: la residenza “Dolomitenblick” a Sexten/Sesto, in provincia di Bolzano, progettata da Plasma Studio, in cui il rame ricopre con continuità balaustre, facciate e tetti. L’altro finalista italiano è la nuova sede del Tribunale di Sorveglianza a Venezia, progettata da C+S Architects, che si propone come “lama” semplice e compatta, che si affaccia su piazzale Roma.

 

I finalisti del 2013 sono:

  • L’Atelier a Gournay en Bray, Francia (di Vincent Parreira Atelier Architecture): un nuovo complesso multimediale e culturale e che si insedia confortevolmente nel suo ambito rurale, con una intrepretazione modena dell’architettura vernacolare, velata da una maglia di rame.
  • Biblioteca a Seinäjoki, Finlandia (di JKMM Architects): un rivestimento in rame assertivo ma rispettoso,
    una aggiunta totalmente contemporanea al più numeroso gruppo di edifici progettati da Alvar Aalto nel mondo.
  • Centro di radioterapia a Hof, Germania (di Hiendl_Schineis Architekten): questa semplice forma cubica si distanzia dalle tradizioni dei rivestimenti in rame con dettagli curati e superfici immacolate, pensate per essere riflettenti agli inizi e poi cangianti nel tempo.
  • Clarion Hotel Post a Goteborg, Svezia (di Semrén & Månsson): l’aggiunta comprensiva e contemporanea di rame e vetro ha trasformato questo importante edificio nazionale in un hotel vibrante, focus civico e catalizzatore per la rigenerazione urbana.
  • Copertura delle pietre runiche a Jelling, Danimarca (di NOBEL arkitekter): semplici a prima vista, queste strutture in bronzo e vetro simili a gioielli proteggono le pietre runiche, monumento nazionale, aggiungendo un’esperienza in più al visitatore.
  • Dolomitenblick, Sexten/Sesto (BZ), Italia (di Plasma Studio): rame e legno definiscono la massa scultorea di questo
    edificio residenziale nelle Dolomiti, che sorge dalla topografia naturale e riflette le tradizionali forme del tetto.
  • Memoriale a Beslan, Ossezia settentrionale-Alania, Russia (di Dr Krekeler Generalplaner GmbH): dedicato alle vittime della strage di Beslan del 2004, questa delicata lega di rame perforata conferisce dignità e suscita emozione.
  • Nuova sede del Tribunale di sorveglianza a Venezia, Italia (di C+S Architects): una forma semplice e scura di rame interpreta la tipologia locale degli edifici industriali e assume un atteggiamento unificante nei confronti degli edifici al suo intorno.
  • Piattaforma di arte e creatività a Guimarães, Portogallo (di Pitágoras Aquitectos): la rigenerazione del centro
    di una delle più importanti città storiche del Portogallo è definita da volumi astratti, velati da una trama di profili in ottone.
  • Polo educativo e culturale a Pau, Francia (di Marjan Hessamfar & Joe Vérons Architectes Associés): pannelli in lega dorata di rame - alcuni perforati per dare un effetto di trasparenza - formano parte della selezionata gamma di materiali che unificano i differenti elementi di questo complesso cittadino.

I dieci progetti saranno presentati nel corso di un evento che si terrà alla fiera BATIMAT di Parigi, lunedì 4 novembre 2013, al termine del quale sarà svelato il vincitore. Architetti e giornalisti sono invitati alla Zoom Conference Room nella Hall 5B alle ore 11.00, con un cocktail alle 12.30. Dal momento che i posti sono limitati, è consigliato inviare una preregistrazione a cda@copperalliance.org.uk entro il 15 settembre.

 

Link interni: 
Condividi con: 
Copper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalistiCopper in architecture 2013: due italiani finalisti

Continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all’uso del cookie. Per saperne di più, clicca su questo link.

Accetto